Unghia incarnita: cos’è e come si cura

Definizione

L’onicocriptosi o unghia incarnita è una lesione del perionichio, provocata da un frammento ungueale che perfora e penetra i tessuti adiacenti. I tessuti molli periungueali vanno incontro a un fenomeno di ipertrofia e progressiva infiammazione (perionissi) fino alla rottura epidermica.
Questa lesione si riscontra maggiormente all’alluce, ma non si può escludere anche nelle dita minori.

Si evidenziano tre tipi di unghia incarnita:

  1. placca ungueale normale sottoposta a taglio errato
  2. deformazione verso l’interno di uno o entrambi i bordi laterali della placca ungueale
  3. placca ungueale normale con ipertrofia dei tessuti molli a causa di microtraumatismi

Fattori predisponenti

I fattori predisponenti sono molteplici:

  • iperidrosi
  • esostosi subungueale
  • microtraumi
  • mal allineamento congenito delle unghie dei piedi
  • taglio improprio della lamina
  • patologie biomeccaniche (eccessiva pronazione, allux minus, piede quadrato, alluce valgo)
  • patologie sistemiche associate (obesità, artrite, diabete)
  • farmaci

La combinazione di alcuni di questi fattori produce una o più delle lesioni caratteristiche dell’unghia incarnita, quali aumento della curvatura trasversale della lamina, ipertrofia dei valli ungueali, perforazione dell’epitelio del solco laterale da parte della spicula, con conseguente reazione da corpo esterno e formazione del granuloma.

Il sistema di classificazione di Mozena

Nel 2002 Mozena classificò le onicocriptosi basandosi sulla profondità della piega ungueale, dell’estensione dell’infezione e del tessuto di granulazione, superando la stadiazione in 3 gradi.

    • Fase 1: fase infiammatoria caratterizzata dalla presenza di eritema, leggero edema e dolore quando la pressione è applicata al solco ungueale. La lamina non supera il solco ungueale.
    • Fase 2: presente l’ascesso. A) Il dolore aumenta e si ha eritema, iperestesia ed edema. possono esserci drenaggio e infezione. La piega ungueale ipertrofica eccede la lamina in misura inferiore di 3 mm. B) Sintomi simili allo stadio precedente ma la piega ungueale supera la lamina in misura superiore ai 3 mm
    • Fase 3: i sintomi peggiorano e si ha tesuto di granulazione che copre in larga parte la lamina.
    • Fase 4: grave deformità cronica dell’unghia, presenza di tessuto di granulazione con ipertrofia distale della piega ungueale.

Trattamento

Il trattamento onicoterapico da prediligere è quello conservativo quando possibile, rivolgendosi al podologo. Fondamentale è tenere sempre il piede pulito e disifettato quando occorre, con la lamina non eccessivamente corta e squadrata.
Nelle forme difficili e croniche si ricorre alla chirurgia.